Sacrum, musica e innovazione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Musica classica e realtà aumentata: Skylab Studios firma il connubio in occasione della rassegna Sacrum dedicata a Papa Francesco
Per la prima volta l'innovativa tecnologia si unisce alla musica per i concerti del 5 novembre e del 9 dicembre

Innovazione e musica classica: un inedito connubio che andrà in scena per la prima volta in occasione di "Sacrum - una preghiera in musica per la pace universale" la rassegna di eventi di musica e fede dedicati a Papa Francesco in chiusura dell'anno giubilare e che si terranno sabato 5 novembre e venerdì 9 dicembre alle 21 presso la Basilica di Santa Maria in Aracoeli a Roma. L'iniziativa prevede, nel corso della prima serata, l'interpretazione del Requiem di Giuseppe Verdi da parte dell'orchestra filarmonica di Benevento, diretta dal Maestro Jacopo Sipari di Pescasseroli, e sarà arricchita - grazie a un'idea di Barbara Molinario - dalla realtà aumentata di Skylab Studios, azienda leader nelle soluzioni innovative per la cultura e il turismo: inquadrando la copertina del programma dell'evento con un'app gratuita, si potrà vedere il video in cui il Maestro Sipari introduce il concerto e i suoi ospiti d'onore.

La rassegna è organizzata da Accademia Musicale e Artistica Maria Rosa Coccia nel decimo anniversario dalla sua Fondazione, con la direzione del Maestro argentino Mariana Altamira, gode tra gli altri, del patrocinio straordinario di Pontificio Consiglio Della Cultura, unitamente a Roma Capitale, Senato della Repubblica, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Camera dei deputati, Ambasciata Italiana presso la Santa Sede. Il progetto del programma di sala interattivo è stato realizzato grazie all'associazione Road to green 2020, con la quale Skylab Studios ha intrapreso una partnership diretta alla diffusione dell'innovazione in tutti i settori.

10-novembre-2016-sacrumweb

Rassegna stampa

Etruria Oggi

Lextra

Viterbo Post

Tuscia Times

Nessun commento ancora

Lascia un commento