Turismo sacro e innovazione a Uno Mattina – Rai 1

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Il turismo sacro è in forte crescita nel mercato italiano, l'Italia vanta oltre 66.000 chiese e monumenti "religiosi" aperti al pubblico, un patrimonio incredibile che ogni anno richiama milioni di persone nel Bel Paese. A farla da grande protagonista, ovviamente, sono i Musei Vaticani e la città di Roma, che vedono, ogni giorno, l'apparire di code e file interminabili per accedere ai tesori dell'arte sacra. La domanda che si è fatta Uno Mattina, la trasmissione quotidiana di Rai Uno, è stata quella di capire se, attraverso l'innovazione, sia possibile migliorare la fruizione di questi beni e magari intrattenere il pubblico durante le estenuanti attese. A rispondere alla domanda sono stati chiamati in causa due esperti del settore: Barbara Molinario, presidente dell'associazione no-profit Road To Green 2020 e Leonardo Tosoni l'art director dell'innovativa agenzia di comunicazione Skylab Studios.

Entrambi con una visione piuttosto chiara del problema, lo affrontano dotandosi della migliore tecnologia e innovazione, per migliorare non solo la fruizione, ma anche intrattenere il pubblico in fila. Il presidente di Road to Green parla di segnaletica interattiva con Qr Code che, messa a disposizione del pubblico, li può aiutare e assistere durante tutta la visita, inserendo all'interno anche servizi dedicati ai portatori di handicap, ai bambini e agli stranieri. Un sistema già usato da diverse città italiane, prime fra tutte Genova, Salsomaggiore Terme, Tarquinia e a breve la Città di Siena che inaugurerà il suo innovativo sistema di segnaletica turistica i primi di Giugno.

La stessa presidentessa apre la porta all'utilizzo della realtà aumentata come strumento di intrattenimento, argomento che viene subito preso in considerazione dall'art director, che rappresenta proprio una delle aziende leader nel settore dell'innovazione applicata all'arte e alla cultura. Sono diverse, in questo caso, le possibilità, afferma Leonardo Tosoni: "Basta scaricare un'app gratuita, inquadrare l'opera d'arte o il cartello e magicamente si possono ricevere informazioni e vedere contenuti multimediali nascosti direttamente con il proprio smartphone". Un'innovazione che sta diventando sempre più richiesta, soprattutto dal pubblico straniero, una soluzione che attraverso la gamification e l'interattività porta le persone più a contatto con l'arte e la cultura.

Un taglio di comunicazione e fruizione che sta prendendo molto piede in Italia, infatti la trasmissione di Rai Uno si sofferma su un paio di applicazioni già realizzate, proprio dalla Skylab Studios, a Viterbo per vedere in realtà aumentata la famosa Statua di Santa Rosa, patrimonio mondiale Unesco, e la collezione di opere del Perugino, il maestro d'arte, che si trova a Città della Pieve in Umbria.

 

I commenti sono chiusi